29 aprile 2016

Consigli per risparmiare energia

Risparmiare energia durante la vita quotidiana

I nostri prodotti e servizi contribuiscono significativamente a ridurre il consumo di energia. Ma ogni individuo potrebbe contribuire attivamente a ridurre le emissioni di CO2 con piccoli accorgimenti quotidiani.

Le crepe dei muri contribuiscono a disperdere energia
Giunti e crepe nei muri e sulle finestre di case e uffici possono degradare in modo significativo il clima interno e aumentare i costi di riscaldamento. Le più piccole aperture dissipano il calore molto facilmente, impedendo il ricambio di aria a ventilazione controllata. Il riscaldamento dell’aria fredda contribuisce a rendere l’ambiente poco sano e confortevole.
Il nostro consiglio:
Sigillate subito le crepe nei muri e controllate regolarmente l’isolamento delle finestre. Finestre che disperdono calore possono far alzare le spese di riscaldamento fino al 10% in più. Adeguate misure di isolamento termico, doppi vetri, contribuiscono alla riduzione dei costi. In caso di finestre con vetri singoli è sufficiente applicare una pellicola trasparente: questo permette di salvare fino al 10% dei costi di riscaldamento.

Per cambiare l’aria
Il ricambio d’aria costante permette di mantenere la temperatura più bassa e costringe così il radiatore a riscaldare. Tuttavia, il calore generato viene scaricato attraverso la fessura della finestra verso l’esterno. Soprattutto con i radiatori posti sotto al davanzale, il calore viene così dissipato rapidamente e la stanza si raffredda. L’aria fresca ci rende più vivaci, ma può essere costoso: le finestre aperte e il riscaldamento acceso, generano spreco.
Il nostro consiglio:
Cambiare l’aria tre o quattro volte al giorno a tratti brevi ma approfonditi. Per fare questo, chiudere le valvole termostatiche e aprire le finestre più grandi. Quattro minuti sono sufficiente per fornire una quantità di aria fresca, poi la finestra può essere chiuso e il riscaldamento acceso nuovamente. Ciò consente di risparmiare denaro ed energia.

Nuove valvole termostatiche permettono di risparmiare fino all’8% dei costi di riscaldamento
Per controllare i propri radiatori si può prendere in considerazione l’installazione di moderne valvole termostatiche, grazie alle quali è possibile così salvare fino all’8% dei costi di riscaldamento. Questo avviene perché mentre i vecchi modelli di caloriferi distribuivano calore in modo uniforme in tutti i locali, è possibile con i moderni sistemi gestire la temperatura di ogni locale in modo autonomo. Il passaggio dal vecchio al nuovo sistema richiede solo pochi minuti. I costi di acquisizione verranno ammortizzati, in base al livello, da uno a tre anni.

Per le lunghe assenze attivare la posizione antigelo
Chi lascia la casa per un lungo periodo di tempo, non ha bisogno di riscaldare la stessa.
Il nostro consiglio:
Attivare, in assenze prolungate fino a tre settimane nei mesi più freddi, la cosiddetta “posizione di antigelo” (segno ghiaccio sul termostato). Protegge il riscaldamento senza sprecare energia e denaro.

Mantenere la giusta temperatura può far risparmiare
21° durante il giorno è la temperatura ambiente corretta. Diverso è di notte: l’impianto di riscaldamento che funziona al massimo durante la notte, non solo aumenta lo spreco di energia e denaro, ma rischia anche di danneggiare la salute. 16° è la temperatura ideale e salutare per dormire. Inoltre stanze come una camera o corridoio non necessitano degli stessi gradi di altre parti. Una gestione intelligente del calore consente di risparmiare denaro ed energia. Si raccomanda:
-Soggiorno: 21°
-Camera degli ospiti: 15°
-Bagno: 23°
-Studio: 15°
-Cameretta: 20°
-Camera da letto: 18°
-Cucina: 20°
In generale: 1° in meno consente di risparmiare circa il 6%.

Fare la doccia invece del bagno
La portata media di una vasca da bagno è di 120 o 150 litri. Scegliendo la doccia, invece, si consumano appena 9 litri di acqua al minuto, il che si traduce in un consumo inferiore alla metà di quello necessario per un bagno, per una doccia di 5 minuti.
Il nostro consiglio:
Preferite la doccia invece del bagno.

Non appoggiare la biancheria bagnata sul calorifero
Mai appoggiare la biancheria bagnata direttamente sul riscaldamento. In questo modo il calore generato non può nemmeno diffondersi nella stanza; l’umidità in casa è in costante aumento e vi è un maggiore rischio di sviluppo della muffa.
Il nostro consiglio:
Approfitta delle zone aride eventualmente esistenti nella vostra abitazione. Questa modalità potrebbe richiedere più tempo, ma comunque più conveniente rispetto all’aumento dei costi di riscaldamento. Chi non ha a disposizione una stanza arida, può usufruire del balcone, o simili, quando la stagione lo permette.

In cucina utilizzare solo l’acqua necessaria
Difficile da credere, ma vero: l’acqua è diventata nei paesi industrializzati una risorsa preziosa. Il costo dell’acqua è aumentato fino al 50% (per esempio negli Stati Uniti), quindi le misure per il risparmio idrico sono essenziali. Per ridurre il costo dell’acqua in modo efficace, non sempre servono installazioni tecniche complicate. Anche piccoli accorgimenti domestici riducono i costi e tutelano l’ambiente.
Il nostro consiglio:
Per cucinare utilizzare solo la quantità di acqua necessaria: per portare ad ebollizione un kg di patate è di solito sufficiente, per esempio, 1/4 di litro d’acqua. Riempire la pentola con un litro o più non è necessario. Oltre alla quantità in eccesso di acqua si spreca circa il 25% di energia termica.

Passo dopo passo adeguarsi ai nuovi sistemi di riscaldamento
I proprietari dei sistemi di riscaldamento più vecchi non sempre si adeguano al fine di ridurre efficacemente gli sprechi della bolletta del riscaldamento. Spesso piccoli accorgimenti, come l’installazione di una pompa di circolazione più piccola, o l’arresto della pompa alla minima potenza o un timer che l’impianto durante la notte, porta un risparmio del 5-10%. Chi la fa può ridurre efficacemente i propri consumi di riscaldamento.

Una corretta pianificazione può ridurre i costi di riscaldamento
Alte bollette dei costi di riscaldamento possono non derivare solo da muri male isolati o impianti di riscaldamento vecchi. La circolazione dell’aria all’interno della abitazione ha un impatto decisivo sulla temperatura ambiente e quindi la qualità dell’abitazione.
Il nostro consiglio:
Fare in modo che il calore si diffonda senza ostacoli attraverso una circolazione ottimale dell’aria: le tende lunghe, i divani del soggiorno, non devono oscurare i radiatori. Il radiatore coperto, anche se esteticamente migliore, rischia di avere un impatto negativo sulla bolletta del riscaldamento. Per quanto riguarda le tende, bisognerebbe fare in modo che le stesse finiscano sopra il radiatore.

L’acqua piovana contribuisce al risparmio
Per chi ama curare fiori e piante, dover provvedere ad innaffiarle può essere costoso. Eppure esistono dei metodi alternativi per innaffiare le piante, rendendole ancora più rigogliose. Una valida alternativa all’acqua diretta del serbatoio consiste nel riutilizzare l’acqua precedentemente impiegata per la cottura della pasta: i sali in essa disciolti agiscono da fertilizzante naturale, dando alla pianta le vitamine che servono. Unica attenzione: l’acqua deve essere a temperatura ambiente. Inoltre potete usare l’acqua utilizzata per lavare le verdure: sciacquate gli ortaggi in una bacinella, anziché sotto l’acqua corrente e versatela nelle vostre fioriere. Con questo rimedio è possibile risparmiare 2 o 3 euro al giorno.

I rubinetti che perdono aumentano i costi dell’acqua in modo significativo
Un rubinetto che gocciola produce 90 gocce al minuto e spreca circa 4000 litri di acqua all’anno!
Il nostro consiglio:
Chiamate subito l’idraulico quando il rubinetto inizia a perdere. Il vostro portafoglio e l’ambiente vi ringrazieranno.

Scarica la Brochure risparmio energetico

Facebooktwitterlinkedinmail